Perchè il tuo marketing sui social media è sbagliato

imagesCAHLSQUMIn questo articolo ti racconterò perché il marketing sui social media spesso e volentieri si traduce in soldi e tempo buttato.

Sembrava la soluzione definitiva per un marketing a basso costo e alta resa, era la grande rivoluzione che avrebbe dovuto riempirti il negozio e garantirti tante nuove opportunità di lavoro, e soprattutto mettere sullo stesso piano, o quasi, grandi e piccoli perché sui social possano arrivare tutti, sui giornali e tv invece bisogna avere il grano

Eppure oggi per quanto è stato seminato, spesso ancora non si riesce a raccogliere frutti veri, commestibili … solo tanti successi virtuali abbiamo pagine con migliaia di fans, si lancia una promozione magari associando un advertising e giù una pioggia di like, condivisioni, visite a eventuali Landing page associate e poi quando arriva il giorno dell’evento in negozio si presentano in 4 gatti.

Le conoscenze sui social invecchiano velocemente

Ormai è circa 2 anni che faccio social media marketing e che lo racconto / insegno nei miei corsi ed eventi ma ogni volta mi accorgo che le regole imparate su come usare i social bene e quindi avere visibilità invecchiano velocemente per svariati motivi fra i quali 2 secondo me sono i più importanti:

1) è troppo semplice

è troppo semplice venire a conoscenza dei vari “trucchi” e quando tutti li sanno non fanno più effetto, serve sempre la cara e vecchia Mucca Viola di Seth Godin, ad esempio fino all’anno scorso su Twitter per ogni nuovo follower potevi rispondere con un messaggio diretto ringraziando e invitando a fare like sulla tua pagina Facebook e tutto questo all’inizio faceva effetto sembra un gesto di attenzione verso il nuovo follower, però quando la gente ha capito che erano solo tweet e messaggi automatici e che ci vogliono 5 minuti per attivarli hanno lo stesso effetto dello spam

La stessa cosa secondo me la si può dire della content curation fatta in maniera semplice usando strumenti di “rassegna stampa” come ormai il famoso Scoop.it che tanto mi è caro e che tanto ho raccontato in eventi e corsi , e giuro che all’inizio era importante e aveva il suo ritorno specie in ambito professionale, quindi su Linkedin, ma oggi ormai i social straboccano di queste informazioni condivise e il troppo storpia ma soprattutto succede che …

2) le regole dei social cambiano

… succede che i social come Facebook cambiano i loro motori / algoritmi per dare un peso al tuo post e la condivisione di link o di foto da altre pagine ha preso una bastonata, basta fare attenzione alle visualizzazioni dei vari post per capire che ultimamente qualcosa è cambiato

Quindi se vuoi fare social media marketing ti devi arrendere al fatto che quando hai imparato come farlo in realtà hai imparato come dovevi farlo ieri, come farlo oggi, ma per domani rassegnati: devi imparare qualcosa di nuovo ( devi e non dovrai .. è già il momento)

Facebook è un po’ come essere al bar …

Penso che Facebook non sia il posto ideale dove pubblicizzare un evento, una promozione o un prodotto aspettandosi un risultato diretto delle proprie azioni, dico sempre che sui social media è un po’ come essere al bar … in questo caso posso dire che tanti apprezzamenti ( like, condivisioni etc ) spesso seguono l’adagio “un like non si nega a nessuno” ma dal like all’aprire il portafoglio o all’alzarsi dal divano per andare in un luogo ce ne passa.

Non dico che usare Facebook per fare promozione di qualcosa di specifico sia sbagliato o inutile, ho casi che hanno funzionato ma sono la minoranza, sarebbe interessante capire se esistono dei settori più indicati.

Banalmente dobbiamo sempre chiederci se il pubblico di Facebook è il ns reale target, la Ferrari avrà tantissimi like per qualsiasi cosa posti ma non penso che chi vuole comprarsi una Ferrari esprima il proprio desiderio su Facebook con un like!

Allora cosa me ne faccio di Facebook ?

L’unica verità è che Facebook è solo una perdita di tempo .. sto scherzando🙂 !! Sicuramente è un buon veicolo per garantire visibilità alla propria attività specie quando non è un brand famoso, diciamo che è una forma multimediale dei volantini che ti mettono nella cassetta della posta, serve per farti conoscere, mantenere informato il cliente e iniziare a costruire un rapporto comunicativo con i clienti potenziali, sicuramente finché rimaniamo a questo livello di aspettative l’utilizzo dello strumento è corretto.

Una verità sul marketing con i social media

Se mi chiedete di dire la verità su quello che penso e quello che ho capito sul campo in merito al marketing fatto con i social media ( qualsiasi social e sia che parliamo di B2C che B2B ) allora vi dirò che:

– i social media sono UN canale della comunicazione aziendale e NON IL canale

– quello sui social media non è un marketing separato, ma deve essere solo un pezzo sulla scacchiera

– il marketing sui social media deve far parte di una strategia aziendale, non può essere visto come una forma di comunicazione e stop ma deve essere guidato da una strategia altrimenti sarà un marketing fuori controllo e quindi una perdita di tempo e soldi

Ecco perché torno a dirvi di diffidare da coloro che si definiscono esperti di social media marketing e che vi parlano solo del mondo dei social media, saranno bravissimi a portarvi like ma non vi porteranno soldi. Chi non si interessa delle dinamiche e problematiche del vostro business, non potrà darvi i risultati che vi aspettate, chi non cerca di integrarsi con la vostra realtà per vivere assieme a voi le sfide sul mercato non potrà mai usare i social media per darvi dei benefici reali ma fare solo mera comunicazione, un bla bla che raccoglierà tanti applausi e pochi soldi. Ma chi ha una attività deve pensare a costi, benefici e risultati finali e non agli applausi … anche perché con gli applausi non ci pagate le tasse, anzi magari un domani qualcuno potrebbe tassare anche quegli applausi fatti di like e condivisioni  ( oh my god speriamo che nessun politico legga questo blog🙂 )

 RISE AND RISE AGAIN UNTIL LAMBS BECOME LIONS

Articolo successivo
Lascia un commento

3 commenti

  1. E’ assolutamente vero che il vero esperto di social media marketing non può prescindere assolutamente dall’utilizzo integrato di TUTTI gli strumenti a disposizione, online e offline. Chi propone solo investimenti sull’online è un cialtrone! Così come sono cialtroni gli addetti marketing delle aziende quando dichiarano di occuparsi dei social media perchè pubblicano quotidianamente almeno due post! Ridicoli! Io vorrei fare un appello a tutti gli imprenditori italiani (piccoli e grandi): diffidate e affidatevi ai professionisti!

    Rispondi
  2. Sono d’accordo Renato. Stiamo di fatto assistendo all’ennesima bolla. Di certo non ci può esimere dal gestire la presenza della propria azienda sui social, ma è pur vero che il ruolo di questi canali va sicuramente ridimensionato. La percezione degli utenti stessi rispetto ai social sta radicalmente cambiando: abbiamo superato il punto in cui il troppo stroppia e si torna, inevitabilmente, a dare il giusto peso alla vita reale, fatta di esperienze e relazioni. Come dici tu, è importante tornare a considerarli UN canale, da integrare inevitabilmente con i classici canali di marketing. A questo punto resta da capire come gestirli ad un costo adeguato, considerato che la presenza sui social basata su una precisa strategia (come deve essere) ha un alto costo, soprattutto per la piccole aziende. L’imparare a distinguere i cialtroni dai professionisti, poi, è un altro paio di maniche.

    Rispondi
    • ciao Marianna, essere presenti sui social senza affossare il budget del marketing è questione di strategia, cercando di massimizzare il ritorno in base alle proprie possibilità, non sempre bisogna seguire gli schemi canonici. Per altro se non danno ritorno farei solo una presenza formale e concentrerei il budget sui canali che danno ritorno.
      Distinguere un cialtrone da un professionista può essere semplice: proponigli un pagamento legato al miglioramento del fatturato ( o ancor meglio del margine ) … vediamo se è ancora interessato.
      Io sui miei clienti lo faccio, si va da costruzione di e-shop ( e gestione + marketing) a costo 0 (al netto dell’hosting piattaforma ) + % sul margine delle vendite, fino ad arrivare a servizi più completi ( analisi dati, strategia, marketing, seo, sem, sito web etc etc ) con canone ridotto + % su miglioramento del fatturato ( risposta della cliente ” la tua proposta mi ha piacevolmente sorpreso” ) perché se la mia azione deve essere quella di migliorare un’azienda allora è giusto mettersi in gioco ( essere sul mercato a fianco dell’imprenditore ) , ma ne parlerò meglio in un prox articolo mi sa … ciao R

      Rispondi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: