Tendenze nel marketing su web e social media

3d postman with envelope and bagNel mondo della tecnologia e dell’informatica il mondo cambia velocemente, ho iniziato la mia vita lavorativa come programmatore e mi sono accorto subito che ogni linguaggio dopo qualche anno era già vecchio purtroppo secondo me è così anche nel marketing sul web e i social media, in questi 2 anni che lo pratico ho visto diverse tendenze cambiare sia in merito ai social da usare e sia nelle tecniche, vediamo quali sono le tendenze e come bisogna impostare la propria strategia di marketing.

CONTENT MARKETING

Si parla sempre di content marketing come la strategia corretta, secondo me il content marketing non è LA strategia ma è una parte della strategia, la strategia è un qualcosa di variabile, cambia in base al settore, alla tipologia del cliente e soprattutto cambia in base agli obiettivi del cliente le poche verità sulle strategie di marketing sono quelle risapute da decenni e forse da secoli:

1 – quando una strategia funziona e viene applicata da tutti non è più una strategia ( dobbiamo sempre cercare la cara vecchia mucca viola)

2 – tutto torna, esattamente come nel simbolo del Tao (Yin Yang) le mode si rincorrono e l’eccesso di una modalità fa nascere la necessità del suo contrario

Il content marketing una volta era già da solo una strategia, bastava condividere articoli del proprio blog o anche da altri siti per emergere dalla massa, essere l’oasi nel deserto a cui accorrevano gli assetati  e si poteva allargare così i propri contatti e opportunità Oggi non è più così, tutti lo fanno, ormai è un deserto con fontanelle e chioschi ogni 50 metri,  il content marketing da solo non può bastare, è solo una base della strategia che deve prevedere che non puoi più stare solo passivo ma devi andare a fare PR attirare la gente e vendere le tue bibite e a volte visto che ci sono tanti chioschi devi rincorrere i tuoi clienti effettivi o potenziali ricordando dove è il tuo chiosco e quali prodotti offri … le care vecchie newsletter

NEWSLETTER

In merito alle newsletter poi non siamo forse stufi di quanti scrivano seguendo un copione nel titolo e nelle varie call to action ? sempre i soliti sensi di urgenza etc … ok ogni tanto le puoi usare ma quando tutte le newsletter sono uguali è il solito gridare al lupo al lupo. Fondamentale però è analizzare i risultati ( chi apre le newsletter e chi clicca sui link) e segmentare il pubblico

SOCIAL MEDIA

I social media poi cambiano velocemente, penso che il loro utilizzo sia corretto per 6 mesi e poi bisogna cambiare modalità e/o mezzo, Twitter era un mezzo valido, oggi lo è molto meno quindi è necessario avere molti più follower rispetto a prima per raccogliere qualcosa.

Facebook sta cambiando e le pagine forse non sono già più un  mezzo con cui fare content marketing ma lo stesso va fatto in altri posti ( i gruppi ) ma dipende molto dal tipo di pubblico e dal tipo di azienda e brand

Per tutte le PMI Linkedin con i suoi gruppi e le sue ricerche avanzate è sicuramente l’Eldorado, ma molti purtroppo si fanno distrarre dalle varie “Il Gatto e la Volpe web communication agency” che distolgono fondi alle aziende per convertirli in inutili fan su Facebook ( vedi articolo precedente, siamo a 2500 fan per un’azienda che fa sacchetti di carta con la pubblicità… Cara cartiera i tuoi clienti non sono su FB ma su Linkedin … stai sprecando soldi). La strategia su Linkedin ?  Fatti conoscere, fai capire che sei competente, allarga il network in maniera mirata e poi finalizza l’azione, ovvero parti con il content marketing e finalizza con le vecchie buone maniere

Google+ sarà il nuovo posto dove fare marketing ( forse ), ha un’ottima interfaccia, tante belle community, peccato solo che abbia una diffusione settoriale, le community corpose parlano di pochi argomenti soprattutto molto geek

Pinterest ? secondo me ha vissuto una prima fase da bolla speculativa, ora l’interesse sembra essersi raffreddato ma presto diventerà uno strumento fondamentale in molti settori cosi come tutto il marketing visuale, in tutti i campi di lavoro il visuale sta diventando sempre più importante, nell’altra mia grande passione ovvero l’analisi dei dati ho puntato da diversi anni sull’analisi visuale dei dati ( con strumenti come Magnaview e Tableau in primis )

LA VERA ARMA VINCENTE: ANALISI DELLE CONVERSAZIONI ( LA SENTIMENT ANALYSIS PER TUTTI )

come ogni brava persona di comunicazione sa la base di partenza è sapere cosa la gente pensa di un prodotto o di una problematica, sapendo questo si saprà come comunicare al meglio quello che vogliamo proporre, questo vuol dire poter ascoltare la gente e il web è una fonte inesauribile di commenti, conversazioni, consigli, recensioni e altro, oggi è possibile con piccoli investimenti poter costruire delle indagini su web per capire cosa dice la gente, quali sono gli influencer di un settore, come si muovono i ns competitor e tante altre belle cose, spesso tutto questo lo si chiama sentiment analysis o brand reputation, per me che ne ho fatto un cavallo di battaglia del mio offering penso che sia un qualcosa di diverso, sentiment analysis e brand reputation danno la falsa illusione che sul web la gente parli di tutti i brand e che lo faccia in maniera sempre da pollice su o pollice giù in realtà al gente parla, sta a noi poi analizzare con meccanismi semplici o complicati per estrarre del valore da tutte le conversazioni, anche qui secondo me quello che bisogna estrarre dipende dalla strategie delle aziende, di dove si vuole andare. Questo tipo di analisi può essere strategica per definire come posizionarsi sul mercato oppure anche una analisi per capire come impostare la comunicazione ( dove comunicare, quali tasti toccare )

Qualche (banale) esempio di analisi delle conversazioni su Slideshare

IL GRANDE MARKETING PASSIVO

Ma diciamoci la verità qual è la cosa migliore per un negozio se non vedere gente che arriva di propria spontanea volontà senza dover spendere soldi in pubblicità, promozioni ?? questo è la SEO fare in modo che la gente che sta cercando qualcosa ci trovi soltanto perché siamo posizionati su Google e tutto questo è gratuito,

Certo richiede che nella costruzione del proprio sito si faccia un po’ di strategia e si sappia per cosa si vuole essere trovati, ma io dico sempre che questa parte è quella più importante della costruzione di un sito … la grafica è importante ma viene dopo, faccio sempre l’esempio di un bellissimo negozio disperso in un bosco senza strade, molto meglio un negozio modesto ma su una strada traffica😉 Oggi vedo gente che si muove freneticamente per avere un sito, la pagina Facebook e poi si dimenticano delle mappe di Google, se hai un negozio o comunque lavori a contatto diretto con il cliente finale esserci sulle mappe è fondamentale e non costa nulla!

COSA FARE

Bene detto questo cosa vi posso consigliare ?

1 – definire una strategia con obiettivi, inutile copiare quello che fanno gli altri, serve la propria strategia

2 – valutare bene quali social media utilizzare e prima di dire Linkedin non mi serve per il marketing pensateci 10 volte

3 – SEO SEO SEO lavorate oggi ma raccogliete per tanto tempo a costo zero

4 – analisi delle conversazioni, vi possono aprire un mondo

5 – marketing attivo. se pensate che basta stare sui social e fare content marketing per avere una fila di nuovi clienti … beh state già sbagliando strategia

alla prossima

Lascia un commento

10 commenti

  1. Ottimo articolo. Non sono un’esperta marketing, non ho fatto studi, master, università ect ect ma il mondo della comunicazione e del marketing mi hanno sempre affascinato. Oggi, a 40 anni, ho deciso di intraprendere questa strada e letture come quella da te proposta sono davvero utili, brevi e concise! Grazie

    Rispondi
  2. Hai colto solo una parte del problema…..partiamo dall’inizio : a cosa serve il Web Mktg (da almeno 13 anni in Italia)? Fondamentalmente a 2 cose :
    1) Branding
    2) Lead Generation
    Parlo della seconda perchè la prima è un pò troppo “fumosa”.
    Prima del Web le aziende compravano liste di possibili clienti e inviavano lettere, fax o le visitavano gli agenti.
    Con il Web sono iniziate attività per fare in modo che i possibili clienti (Leads) inviassero i loro dati (tramite email o form) per essere contattati.
    QUESTA E’ STATA LA RIVOLUZIONE!
    Non sono più io a cercare l’ago nel pagliaio ma è l’ago che incuriosito dai miei “contenuti” mi viene a cercare!!!
    Questa è la LEAD GENERATION (con tante attività : PR, SEO, Eventi,…).
    I dati che il Lead mi invia DEBBONO essere inseriti in uno strumento che mi permetta di “gestire” tutte le attività che farò su di lui : un CRM.
    Senza un CRM non c’è un corretto Mktg e una corretta attività di Vendita (gestione delle Opportunità che fanno passare un Lead (contatto) a livello Customer (cliente))!
    Ma da qualche anno non vi sono più i Customer, ci sono solo i Social Customer e il Mktg è diventato Social Mktg!!
    Ovviamente vi è la Social Lead Generation : parlo (tramite gli Influencer) al pubblico dei Social Media dei miei prodotti/servizi e guardo quanti Lead ho generato. Li conto! Li qualifico per vedere se sono Lead “buoni” o no nel mio business!
    Ecco che ho dati misurabili = Budget Campagna/Numero Lead Buoni.
    Questo è quello che vogliono oggi i Clienti più innovativi!
    Nel Fashion (per esempio) = http://www.datafashion.it/it/soluz-FSMktg.html
    Ciao

    Rispondi
    • Ciao Eddy,
      penso che budget campagna/numero lead buoni sia quello che sempre gli imprenditori hanno voluto … hai mai visto qualcuno fare una campagna mkt giusto per farla ? L’articolo comunque dice altro ovvero che parlare e basta e pensare che i lead buoni accorrano è una cosa vecchia, esattamente come far pensare ai clienti che fans di FB e nuovi clienti c’e’ una relazione diretta …anzi questa non è vecchia è truffaldina.
      Il CRM è solo uno strumento della strategia e dipende dalla strategia, il marketing lo puoi fare bene anche senza CRM
      PS: sarebbe stato più gradito un link a qualche report o case history e non solo alla vs brochure e storie fatte su grossi brand … forse la gente si dimentica che questo paese è fatto dalla PMI e bisogna pensare a soluzioni specifiche per le loro esigenze e il loro budget
      PS2: ah ovviamente sto ancora aspettando la famosa call dove mi avresti spiegato il vs progetto uzbee … il crm serve anche per segnarsi queste attività

      Rispondi
  3. L’ha ribloggato su FOTOGRAFIA TURISMO ITALIAe ha commentato:
    Ottimo articolo, da leggere assolutamente.

    Rispondi
  4. Ciao Renato,
    volevo solo evidenziare che non è solo SEO, SEO, SEO….anche se importante per la mia “fissa” (Lead Generation) e a proposito dell’importanza del CRM nel Social Mktg guarda cosa ha fatto Salesforce in questo campo : http://www.salesforcemarketingcloud.com/
    Per UZBee mi scuso ma siamo un pò in ritardo…..guarda la posta!
    Saluti

    Rispondi
  5. Sono d’accordo con te che il content marketing – da solo – non sia l’elisir dei miracoli e che non possa coincidere in toto con la strategia di presenza online dell’azienda. Se non altro perché di gente che sa fare content marketing davvero efficace ne vedo in giro meno di quanta pare essercene.

    Nonostante ciò, nei tuoi cinque punti finali, personalmente il content marketing l’avrei comunque messo, e pure piuttosto in alto nella graduatoria.

    Rispondi
    • ciao Alessandro hai ragione, diciamo che nei miei 5 punti il content marketing fa parte del punto 2, ovvero nell’utilizzo dei social, l’ho dato x sottointeso perché per me stare sui social senza fare anche o soprattutto content marketing è una cosa che non penso possa dare frutti. Ma giustamente avrei dovuto specificarlo. Grazie del commento

      Rispondi
  6. Condivido molto di quello che scrivi però penso anche che ognuno debba fare le proprie esperienze dirette per capire bene di cosa abbia bisogno…

    Rispondi
  1. Tendenze nel marketing su web e social media | Tripsandtipsblog
  2. Tendenze nel marketing su web e social media | EGQ Consulenza d'azienda s.r.l. – Consulenza, Formazione, Accreditamento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: